Appello per la salvaguardia dei migranti dell’Aquarius

Al Vice Presidente del Consiglio dei Ministri
Ministro dell’Interno
Sen. Matteo Salvini

Oggetto: Appello per la salvaguardia dei migranti dell’Aquarius

Onorevole Ministro,
il dibattito scatenato nelle ultime ore dalla Sua dichiarazione sul caso Aquarius ci induce ad esplicitare alcune doverose riflessioni.
Non si può rimanere silenti, né tanto meno indifferenti, di fronte alla violazione di
specifiche Convenzioni Internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati.
L’Italia si trova, ancora una volta, a dover affrontare da sola la risoluzione di un’emergenza relativa ad un fenomeno di notevole portata, viste le crescenti sfide poste dalle migrazioni internazionali.
In quanto cittadini del Mediterraneo, solcato nei secoli da imbarcazioni di ogni genere e
provenienza, bacino internazionale attraversato da numerose correnti, culla di misura ed
equilibrio, ponte e fulcro del movimento di popoli, abbiamo una naturale propensione per
l’accoglienza e per una visione interculturale, che si fonda sul riconoscimento e sulla
valorizzazione delle differenze identitarie, sul dialogo e sull’integrazione, per costruire un
futuro di cooperazione.
Auspichiamo pertanto che, nelle more della definizione di una regolamentazione coordinata
tra gli Stati coinvolti, possa radicarsi nell’immediato, tra i decisori politici, la consapevolezza della inderogabile necessità di far prevalere, sopra ogni ragione, il diritto
alla vita e alla sicurezza delle ben 629 “persone” a bordo dell’Aquarius, di cui 129 minori
non accompagnati, 11 bimbi e 7 donne in attesa.
Confidiamo nel profondo buonsenso, nell’antica e ancestrale pietas, nonchè nel sentimento
di humanitas che dovrebbe caratterizzare ogni scelta e azione politica di chi è alla guida di
questo nostro meraviglioso Paese, perché sia l’intelligenza del cuore a rappresentare il
fulcro fondamentale su cui costruire il futuro di ogni individuo, cittadino del Mondo.

Palermo, 10 giugno 2018
Chiara Di Prima
Presidente Regionale UCIIM Sicilia